giovedì 25 agosto 2005

Dolomiti 2005

da SABATO 13 AGOSTO a LUNEDI' 22 AGOSTO 2005

“If you wanna hang out you've got to take her out; cocaine.
If you wanna get down, down on the ground; cocaine.
She don't lie, she don't lie, she don't lie; cocaine.

If you got bad news, you wanna kick them blues; cocaine.
When your day is done and you wanna run; cocaine.
She don't lie, she don't lie, she don't lie; cocaine.

If your thing is gone and you wanna ride on; cocaine.
Don't forget this fact, you can't get it back; cocaine.
She don't lie, she don't lie, she don't lie; cocaine.

She don't lie, she don't lie, she don't lie; cocaine.“


E' possibile sentirsi a casa in un posto che non hai mai visto? Varcare una sorta di limite etereo, impalpabile, che ti porta da un posto anonimo, inutile, in quella che senti casa tua ma di cui ignori perfino il nome...
sabato l'altro sono andato in vacanza in trentino, dopo 5 ore di macchina arrivo al Passo Gardena, dopo un temporale... tramonto pieno; non ho potuto fare a meno di fermarmi. Ero da solo, per la strada nessun altro; esco e c'è un silenzio assurdo, il deserto e la luce rossa che invade tutto.
C'era la luce, il freddo, l'umidità, il profumo di bagnato, le nuvole e l'aria, ma era tutto unito come un unico elemento. Un elemento che potrei definire enorme, potente, "grosso", forte e deciso; qualcosa che mi abbracciava stringendomi ma non facendo male, solo a dimostrare la sua enorme potenza. Una stretta decisa, forte ma dolce e delicata.
Ho varcato questa soglia e questo 'elemento' mi ha dato il benvenuto, mi ha detto "bentornato a casa Shottolo, ci sei mancato" e io mi sentivo realmente a casa... ero un piccolissimo puntino disperso su una mappa che nemmeno ho aperto... potevo essere in Italia o chi sa dove, ma sapevo di essere a casa
Questa è la porta ed oltre essa c'è la mia casa.


Scendo il Passo che ormai è buio, intorno a me solo roccia e pascoli. La strada è un serpente che si snoda sul ripido pendio e che a breve mi porterà dai miei amici che mi aspettano già da ore alla tenda... ormai saranno al nostro ristorante/campobase per la cena. Apro la porta del Sarè e una chioma fuxia mi accoglie come fossi un fratello tornato dopo anni di esilio: un bellissimo angelo travestito da cameriera con i capelli fosforescenti e uno stupendo piercing al labbro inferiore. Sono proprio a casa.

Quello sopra è solo una piccola introduzione alle fotografie della mia vacanza trentina caratterizzata dal maltempo e dalle fortissime emozioni.
Prima di mostravi il mio paradiso voglio raccontare qualche aneddoto.
Già dal primo giorno avevo addocchiato questo monte, piccolo e modesto confrontato con le famose cime che lo circondano; mi sono talmente fissato col volere la sua cima che ho rischiato per due volte di rimanere fulminato sulla ferrata che porta in vetta. Il primo giorno grandinata a metà ferrata, il secondo davano tempo di merda ma ormai era un chiodo fisso; ho preso una marea di acqua in testa ma alla fine ero sulla sua cima... peccato non aver visto un cazzo perché immerso totalmente nelle nuvole. Si tratta del monte Averau
Le due simpatiche escursioniste tedesche che, sbagliando sentiero per il ritorno dall'Averau, si sono prese un temporale sul testone come me e il mio socio; abbiamo offerto loro un passaggio fino all'altro parcheggio. Incontro ed ottima esperienza, belle sensazioni.
La minestra di verdure con i wurtels lessi, qualcosa di libidinoso dopo una giornata ad affaticarsi in montagna.
Il povero ragazzo che si è messo su un monotiro in falesia senza sapere il grado, scoprendo troppo tardi che probabilmente era decisamente oltre le sue capacità. Però è riuscito ad arrivare in catena e si è preso i nostri complimenti per la tenacia e il sangue buttato sulla via.
I poveri soldati della prima guerra mondiale; ho visitato un paio di musei con reperti bellici e sono rimasto allibito... esperienza toccante... mai più guerre.
Gli snobs di Cortina. Veramente triste vedere questi abbronzatissimi nullafacenti che ti guardano come fossi appestato perché, rientrato da un'escursione temporalesca, sei tutto infangato... che tristezza.
Le leggende sul Fanes. Ho avuto la fortuna e la possibilità di "ravanare" nella selvaggia conca del Fanes (non ci sono sentieri tracciati) ed è stato emozionante vedere il "Ciastel del Fanes", teatro di mille leggende e favole...
I miei soliti angeli custodi che mi hanno fatto schivare due grossi temporali. Instancabili
Le abbondanti colazioni e cibarie di qualsiasi tipo, meglio se schifezze. Pensavo di aver preso due kg e invece al ritorno ho scoperto che peso uguale... mi chiedo quanto cavolo abbia consumato per mantenere caldo il corpo alla glaciale temperatura trentina.
Il nostro vicino vicentino che ci ha regalato quattro lattine di birra.
FINE

Di seguito il programma dei miei 10 giorni trentini:

SABATO
viaggio

DOMENICA
gallerie prima guerra mondiale del Piccolo Lagazuoi

LUNEDI'
Sass de Stria dalla normale

MARTEDI'
Piz da Lec salita con ferrata e discesa dalla normale

MERCOLEDI'
Sasso della croce ('l chaval) salita con ferrata
Cima Dieci salita con ferrata
Val di Fanes
Rifugio Fanes
Tutto il giro è durato 11 pause comprese (sommate, poco più di mezzora). Sono arrivato devastato ma felice, il mio primo 3000. Stupenda la ferrata della Cima Dieci, molto esposta... peccato sia così breve.

GIOVEDI'
Ferrata Brigata Tridentina
Rifugio Cavazza
discesa Val di Mezdì

VENERDI'
Monte Averau primo tentativo, fallito

SABATO
Monte Averau secondo tentativo, riuscito

DOMENICA
Palestra di Sesto... stupenda, vie da venti metri su plastica e sala boulder notevole

LUNEDI'
Giretto a Brunico e rientro a casa



Fantastica vista dal Piccolo Lagazuoi



Ricostruzione baracca ufficiali Cengia Martini (Piccolo Lagazuoi)



Strada di accesso alla cengia Martini



Casa dolce casa



Conturines col cappello



Panorama dal Sass de stria (???)



Tofana di Rozes innevata



Gruppo dell'Averau dal Sass de Stria



Il versante opposto sempre dal Sass de Stria



Croce di vetta del Sass de Stria



Gruppo del Lavarella visto dalla zona del Sella



Ferrata del Piz da Lec



Gruppo del Sella e Val del Mezdì visti dalla vetta del Piz da Lec



Marmolada e Gran Vernel dalla vetta del Piz da Lec



Gruppo del Sella



Vetta del Piz da Lec



Tramonto sul Sassongher (???)



Marmolada e Gran Vernel



Sella e Sassongher



Lavarella visto dalla vetta del Sasso della Croce



Val del Fanes e Croda Rossa



Vetta della Cima Dieci



La ferrata della Cima Dieci



Val del Fanes



Cima Dieci vista dalla Val del Fanes



Ciastel del Fanes e Cima Nove



Tramonto sul Sella



La torre Exner dalla ferrata Tridentina



Panorama dalla ferrata Tridentina



Monte Cavazza (???)



Ponticello sulla ferrata Tridentina



Monte Cavazza (???)



Panorama dal rifugio Cavazza



Torri della Val del Mezdì



Averau

2 commenti:

kaa ha detto...

Bello il racconto delle tue emozioni.
Hai descritto sensazioni bellissime.
Riciclero' il pezzo per la mia Bulgaria!
Mi hai fatto venire voglia di rimettere gli scarponi.

shottolo ha detto...

tu DEVI rimettere gli scarponi!